Il turismo piemontese e il progetto Ryanair

Il turismo in Italia ha un calo di consensi

Non è una novità che la parola “crisi” invada ormai un numero sempre crescente di ambiti economici e sociali, ma potrebbe sorprendere che tale termine venga abbinato persino all’attrattività turistica italiana.

Eppure è così: pare che il belpaese cominci a registrare un calo di “consenso” da parte dei turisti stranieri, e che la diminuzione sia imputabile in modo particolare al Centro Nord.

(Fonte: Linkiesta)

La Regione Piemonte investe in promozione turistica attraverso Ryanair

A fronte di una brutta notizia, non possiamo non accogliere con un certo ottimismo la comunicazione che il progetto Ryanair sia stato prolungato fino a Marzo 2013.

Ma di cosa si tratta?

L’amministrazione regionale piemontese ha deciso di investire complessivamente 600.000 € in azioni di promozione turistica sul sito web della compagnia irlandese e su testate nazionali ed estere.

È la dimostrazione pratica di come le dinamiche turistiche nelle diverse aree del Paese siano spiegate da un lato dalla specializzazione territoriale (in questo caso parliamo di turismo invernale, sulle ben note montagne olimpiche), dall’altro dalla loro reale connessione con il resto d’Europa (la facilità di combinare quindi l’offerta con la domanda).

 

Ma qual’è l’impatto del turismo generato da questa iniziativa sul territorio piemontese?

Ragionando in termini di impatti, le conseguenze sul territorio saranno di diversa natura:

innanzi tutto i turisti incrementali spenderebbero sul territorio piemontese e non altrove, e in secondo luogo la spesa dei turisti attiverebbe la filiera in modo diretto, indiretto e indotto.

Proviamo allora ad inserire nel nostro calcolatore di impatti (REGOLO) i dati e vediamo i risultati.

Ipotizziamo ad esempio che i turisti incrementali portati sul territorio siano circa  pari a 1/6 degli arrivi connessi al turismo invernale montano in Piemonte: circa 80.000.

La permanenza media per il turismo invernale è pari a 4 giorni (fonte: Sviluppo Piemonte Turismo).

Consideriamo una spesa media giornaliera, comprensiva di pernottamento e servizi acquistati sul territorio, pari a 100 €.

Il conto è presto fatto: si tratta di 32 Milioni di € di spesa sul territorio.

Ma, secondo applicando l’analisi di impatto, possiamo calcolare gli effetti diretti, indiretti e indotti sul territorio:

  1. il fatturato totale generato sul territorio ammonta a 107 Milioni di €, a fronte di un investimento di 600.000 € da parte dell’amministrazione regionale;
  2. le ULA (unità di lavoro annualizzate) generate sono 314;
  3. il gettito figurativo generato dalla tassazione connessa ammonta a quasi 10 Milioni di €.

 

Per quanto riguarda l’incidenza dell’impatto economico totale sui 6 macrosettori economici, le prime due voci in ordine di importanza appartengono ai servizi: il 37% del fatturato ricade sui servizi tradizionali e il 27% sui servizi avanzati.

 

Nota: gli impatti calcolati da REGOLO sono in questo caso relativi al Piemonte, e sono stati ottenuti con l’ausilio di tavole input-output opportunamente regionalizzate a partire dalle tavole nazionali pubblicate dall’Istat.

 Articolo a cura di Sara Cassetta.

 

 

Una risposta a “Il turismo piemontese e il progetto Ryanair”

Rispondi