L’impatto economico del Basket italiano: il caso Legadue

 

Articolo a cura di:

Sara Cassetta

Pamela Gioia

 

Il mondo del Basket in Italia: Lega A e Legadue

Il basket in Italia è il secondo sport di squadra, per seguito di tifosi, dopo il calcio: risulta che siano stati circa 1.050.885 gli spettatori nei palazzetti della Lega A e circa 590.650 quelli della Legadue nella stagione sportiva 2010/2011. Il basket professionistico italiano, quindi, coinvolge un pubblico di più di 1.641.535 appassionati. (Fonte: sito web Lega A, sito web Legadue)

Il Campionato di Legadue (o più semplicemente Legadue) è il secondo campionato professionistico della pallacanestro maschile italiana. Ha avuto origine nel 2001, dopo la riorganizzazione dei campionati di Serie A: dal 2001, infatti è nata la Serie A al posto della Serie A1 e appunto la Legadue al posto della Serie A2.

La Coppa Italia di Legadue è un torneo istituito per la prima volta nella stagione 2004/2005. La sua formula ha visto notevoli cambiamenti: fino al 2010 era prevista la partecipazione delle prime quattro classificate al termine del girone di andata del campionato.

Dalla stagione sportiva 2010/2011 la formula prevede una prima fase, antecedente l’inizio del campionato, di “Qualification Round” in cui si scontrano tutte le squadre del campionato divise in 4 gironi da 4 squadre, ed una seconda fase, le “Final Four”, in cui vi partecipano le prima classificate di ogni girone e si contendono il titolo di campione d’Italia.

 

Una tesi dell’Università degli studi di Roma Tor Vergata sull’importanza della Legadue

In un’Italia decisamente “calciofila”, l’analisi ex-post dell’impatto economico del basket italiano, mediante il caso specifico della Legadue, trae origine dalla volontà di comprendere i risvolti economici di uno sport che sembra sopravvivere a stento in un “business-spettacolo” sempre più controllato dalle leggi di mercato economico. Per tale ragione, a fronte degli investimenti pubblici e privati e dei relativi flussi turistici generati, si è voluto valutare quantitativamente l’impatto della Legadue di Basket, nel seguente elaborato:

 

“L’impatto economico del Basket italiano: il caso Legadue”

Tesista: Pamela Gioia

Relatore: Gustavo Piga

Facoltà di Economia, Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, Anno Accademico 2010/2011

 

In base alle stime effettuate, nella stagione sportiva 2010/2011 le risorse potenzialmente immesse nel sistema economico italiano grazie alla “macchina Legadue” (spese sostenute dalle società sportive, dagli organizzatori, dagli enti pubblici e dai tifosi), ammontano a circa 31,5 Mln € (valore stimato a prezzi di mercato).

I settori che hanno maggiormente beneficiato degli eventi presi in considerazione e quindi del flusso turistico generato (si stima abbiano viaggiato circa 20.000 persone nell’arco della stagione) sono quello dei trasposti, quello turistico-alberghiero e quello dell’editoria e dell’intrattenimento, che hanno prodotto più del 70% del fatturato totale che è stimato in circa 6,7 Mln €.

 

Le “Final Four” a Novara: 2.000 tifosi e un fatturato di 717 mila € sul territorio piemontese

 

Per verificare gli effetti economici direttamente riconducibili all’iniziativa messa in atto (Final Four 2011 di Legadue) è stato utilizzato il calcolatore di impatti REGOLO.

A fronte degli investimenti pubblici e privati per la realizzazione delle Final Four a Novara e dei relativi flussi turistici generati, si è valutato quantitativamente l’impatto economico generato sul territorio che ha ospitato l’evento, in questo caso il Piemonte.

Si è ipotizzato che il numero di turisti direttamente connessi all’evento fosse di circa 1300, mentre il numero di escursionisti (con permanenza < 1 giorno) fosse pari a 700. (Fonte: stime su dati Legadue e società sportiva Prima Veroli)

Una volta stimato il numero di tifosi si è proceduto all’individuazione dei loro profili di spesa: le tariffe prese a riferimento sono state calcolate come media di quelle applicate dagli alberghi convenzionati all’evento.

Per quanto riguarda le spese dei team, sono stati utilizzati i dati forniti direttamente dall’organizzazione Legadue: complessivamente, si stima che le spese e gli investimenti (pubblici e privati) siano stati pari a circa 78 mila €.

 

Applicando l’analisi di impatto, possiamo calcolare gli effetti diretti, indiretti e indotti sul territorio: il fatturato totale generato sul territorio piemontese ammonta a 717 mila €, a fronte di un investimento di 78 mila, e il gettito figurativo generato dalla tassazione connessa ammonta a 66 mila €.

 

Per quanto riguarda l’incidenza dell’impatto economico totale sui 6 macrosettori economici, le prime due voci in ordine di importanza appartengono ai servizi: il 35% del fatturato ricade sui servizi tradizionali e il 31% sui servizi avanzati.

Nota: gli impatti calcolati da REGOLO sono in questo caso relativi al Piemonte, e sono stati ottenuti con l’ausilio di tavole input-output opportunamente regionalizzate a partire dalle tavole nazionali pubblicate dall’Istat.

 

Rispondi