Un modello di microsimulazione per prevedere il futuro di Padova a 30 anni

“Padova 2030: il futuro della città spiegato in numeri”

30 settembre 2016

E’ stato presentato a Padova, nella sede di Palazzo Bo, nell’ambito degli Open Innovation Days lo studio realizzato da Step ricerche e presentato da Giuseppe Russo sugli scenari di evoluzione di Padova a 30 anni. Grazie alla collaborazione di Padova Promex, che ha raccolto i dati che hanno permesso di alimentare un simulatore digitale dell’economia di Padova in scala 1:500. Alla presentazione hanno partecipato Gilberto Muraro (Presidente Cassa di Risparmio del Veneto) e Enrico Carraro (Presidente Carraro), con la moderazione di Guido Romeo (Nòva24).

Si può vedere il video dell’intervista a Giuseppe Russo.

http://stream24.ilsole24ore.com/video/notizie/russo-centro-einaudi-futuro-positivo-padova-ma-occhio-bassa-natalita/ADI257TB

Un modello di microsimulazione fa previsioni su Alessandria tra 30 anni

Il Ritorno al futuro di Alessandria: “L’economia fra 30 anni? Nessun declino, ma non si cresce”

La Stampa – 12 novembre 2015

Presentati ad Alessandria i risultati di uno studio sul futuro della Provincia, realizzato da STEP Ricerche e Confindustria Alessandria. Applicando un modello di microsimulazione, emergono tutti i vincoli alla crescita. Ma con una combinazione di aggiustamenti e buone politiche politiche l’economia si può stabilizzare

Si può leggere l’articolo completo, ed è possibile scaricare il rapporto di ricerca e leggere di più.

 

 

Il Sole 24 Ore. Mirafiori, i fornitori si attrezzano. Anche in Cina l’indotto cerca nuove opportunità

Diversificazione su altri mercati o al seguito della Fiat negli insediamenti esteri.

 

La chiave del problema sta nell’export e nella capacità di fare squadra fuori dall’Italia.

Secondo il censimento fatto dall’Osservatorio sulla filiera autoveicolare italiana, realizzato dalla Camera di Commercio di Torino e curato da Step Ricerche, continua l’apertura di stabilimenti all’estero da parte di imprese medio-grandi.

 

Leggi gli articoli completi su Il Sole 24 Ore:

2012-08-03 Il Sole 24 Ore Mirafiori, i fornitori si attrezzano

2012-08-03 Il Sole 24 Ore Anche in Cina l’indotto cerca nuove opportunità

 

La Stampa. I numeri dell’Osservatorio sulla filiera autoveicolare 2012

Fattore export: nel 2011 il comparto ha retto nonostante le crescenti difficoltà, ma le imprese hanno previsioni nere per il 2012.

 


La situazione nel 2011 – primi mesi del 2012 è fotografata dalla nuova edizione dell’Osservatorio sulla filiera autoveicolare italiana, realizzata dalla Camera di Commercio di Torino con quella di Chieti e con Anfia, curata da Step Ricerche, su 272 questionari e sull’analisi dei bilanci di oltre 2.000 società di capitali.

Il presidente del Gruppo Componenti Anfia (Mauro Ferrari) chiede al governo strategie per favorire la ripresa e meno tasse.

 

 

Leggi l’articolo completo di Alessandro Mondo su La Stampa:

2012-07-11 La Stampa. Intervenga Roma per l’automotive o sarà la dèbacle

 

La Repubblica. L’export salva la filiera dell’auto, ma il 2012 si annuncia come un anno nero

 

L’indotto auto del Piemonte è sempre meno “Fiat-dipendente”.

Le produzioni del Lingotto sono ai minimi storici, così nel 2011 le aziende che normalmente lavorano per Mirafiori hanno trovato altri canali di vendita.

 

Lo dimostrano i dati dell’Osservatorio sulla filiera autoveicolare italiana 2012 presentato ieri dalla Camera di Commercio di Torino e dall’Anfia, curato dalla torinese Step Ricerche dell’economista Giuseppe Russo.

 

Leggi l’articolo completo di Stefano Parola su La Repubblica:

2012-07-11 La Repubblica L’export salva la filiera dell’auto

 

 

La Stampa. Così le idee del futuro stanno diventando realtà: anche AML, progetto sull’antiriciclaggio di Step

 

Dalla Regione un investimento di 5,7 milioni in due anni, che darà la possibilità di sviluppare prodotti e servizi di alta tecnologia.

Tra questi AML (Anti Money Laundering), il sistema automatico antiriciclaggio di denaro, un progetto di A&G, Step Ricerche e Petra, insieme al Dipartimento di Informatica dell’Università di Torino.

AML è un progetto volto a favorire i controlli antiriciclaggio attraverso un sistema capace di utilizzare le tecnologie più innovative: i dati bancari vengono raccolti ed analizzati, contrastando in tal modo il reimpiego di denaro illecito, fenomeno ad oggi intensamente sviluppato nel sistema economico italiano.

Descrizione del progetto sul sito del polo ICT: “Anti Money Laundering – Early Warning Anti Money Laundering Tool

Leggi il resto dell’articolo: Così le idee del futuro stanno diventando realtà – La Stampa – 26-06-2012

 

 

Il Sole 24 Ore. Visione internazionale per l’ICT che avanza

 

Torino: una città che non è solo Fiat, ma anche il cuore di un settore, l’ICT, che conta tra le 8 e le 10 mila imprese.

 

Numerose sono le best practices piemontesi nel campo dell’ICT.

 

Unico in Europa l’applicativo Regolo della Step di Torino, guidata da Giuseppe Russo: software web based per misurare l’impatto economico di qualsiasi investimento pubblico o privato su un territorio.

 

Ultima elaborazione, la stima dellimpatto dello scudetto della Juventus di quest’anno, valutato in 60 Milioni; pari a 15-16 milioni, invece, quello generato dal passaggio del Torino dalla B alla A, con un valore aggiunto di 38 milioni per il territorio.

 

I calcoli sono stati effettuati con il misuratore Regolo della Step Ricerche, offerto in abbonamento via internet: algoritmi made in Italy per elaborare strategie territoriali ad elevato valore aggiunto.

 

Leggi l’articolo completo di Adriano Moraglio su Il Sole 24 ore, Rapporti 24 / Territori:

2012-06-13 Il Sole 24 Ore Rapporti Territori Visione internazionale per l’ICT che avanza

 

 

La Repubblica. Lo scudetto della Juve, un titolo da 60 Milioni. Il calcolo di Step Ricerche.

 

Quanto vale lo scudetto conquistato domenica dalla Juventus?

 

25 Milioni di € per la Juventus, che potrebbero generare 60 Milioni di valore aggiunto sul territorio, equivalenti a 240 posti di lavoro annuali (il calcolo è stato effettuato con REGOLO).

 

“Con lo scudetto aumenteranno gli introiti dovuti alla Champions League e i ricavi connessi a merchandising e diritti televisivi – spiega Giuseppe Russo – che, al netto delle tasse pagate, possiamo stimare in circa 25 Milioni di €“.

 

Questo “tesoretto” potrà poi trasformarsi in consumi e investimenti sul territorio, generando un valore aggiunto di 60 Milioni di € (sempre che i 25 Milioni non vengano interamente erosi dal Calciomercato).

 

Leggi l’articolo completo di Stefano Parola su La Repubblica:

2012-05-08 La Repubblica L’ultimo centro della Signora, un titolo da 60 Milioni

 

 

Il Sole 24 Ore. La crisi dell’auto colpisce l’indotto, il commento di Filippo Chiesa

La crisi delle vendite Fiat minaccia di trascinare l’indotto: la pressione sulle aziende della filiera si fa sempre più pesante.

Nel 2011 in Italia le immatricolazioni sono diminuite di 221 mila unità (-10,2%).

“Il fatturato dell’indotto verso Fiat, a seconda degli anni e del cluster considerato, varia fra il 45 e il 65% – osserva Filippo Chiesa, ricercatore di Step Ricerche e curatore per conto della Camera di Commercio di Torino dell’Osservatorio nazionale sulla filiera autoveicolare– e ogni 5% in meno di produzione causa una perdita alla filiera stimabile fra il miliardo e il miliardo e mezzo”.

Proprio in questi giorni è stata avviata l’indagine annuale sulla filiera auto in Italia, realizzata dalla Camera di Commercio di Torino insieme con l’Anfia e da quest’anno anche con la Camera di Commercio di Chieti.

 

Leggi l’articolo completo: 2012-04-10 Il Sole 24 Ore La crisi dell’auto colpisce l’indotto